Natale…aria di festa

Idee per un Natale diverso da tutti gli altri anni. Ok, siamo d’accordo Natale è una festa per i bambini, arriva Babbo Natale, la Befana, Gesu Bambino, l’albero, il presepe, le pecorelle e tutte le lucine, ma noi?????? Ricordo gli ultimi dieci anni, a ridosso delle festività natalizie…un corri e fuggi di tormento, tra gente, negozi, ritardi, traffico, ricerca di parcheggio, scelta dei regali!!!!! Se mi avessero condannata per un qualsivoglia reato sarebbe stato meno doloroso e meno faticoso e soprattutto meno amaro da digerire. E perché poi io non compro la prima cosa che capita, nooooo, il tormento è ancora più profondo e la punizione che mi devo infliggere ancora più pesante. Ogni singolo regalo deve rispecchiare la mia scelta per quell’amica o quell’amico, la mia filosofia, il mio pensiero, il mio indirizzo esistenziale, deve avere contemporaneamente qualcosa di me e qualcosa della persona a cui è indirizzato, deve avere qualcosa di socialmente utile, non deve essere semplicemente futile, ma deve contenere un qualche messaggio all’universo!!!!! E cosi arrivo alla vigilia di Natale, al cenone, trafelata, stanca, spettinata, improvvisata, struccata e….in preda al panico, perché ancora mi domando fino all’ultimo minuto: “Piacerà il mio regalo?”. E poi organizza l’arrivo di Babbo Natale, prepara la cena, ma prima la spesa, gli inviti, l’accoglienza, la casa in ordine….ed io??? E noi????? Perché in fondo il pensiero è spesso lo stesso: “Ma si, ma dai, a 50 anni …posso anche essere impresentabile, tanto c’è la giustificazione, ho pensato a tante cose, ho una certa età, ci può stare che non ho fatto in tempo a pensare a me stessa!!!!!”. E no, e basta, e adesso davvero basta, ma che razza di pensiero ci hanno inculcato e poi perché????? Che essere mamma viene prima di essere donna, che essere casalinga e mamma viene prima di essere professionista, che essere moglie viene prima di essere donna e professionista, che…..che casino! Ma si, è vero, ci sono priorità, è corretto, è giusto, è sano, ma la cosa bella ed utile sarebbe riuscire lo stesso, e sempre, e comunque a dedicare anche quei pochi istanti a noi, perché il Natale è uno stato d’animo straordinario ed arrivarci non in fin di vita sarebbe molto bello. Momento dell’apertura dei regali…dopo l’immane impegno che ci abbiamo messo è chiaro, il risultato è assolutamente ineccepibile, siamo state bravissime anche quest’anno a rendere felici tutti quanti. Arriva il nostro turno, sgomento, terrore e disperazione, ma ugualmente come tutti gli anni, sorriso a mille e cinquecento denti e “Grazieeeeeeeeee, che bellaaaaaaaaa”. E’arrivata anche quest’anno, puntuale come ogni anno, mai un anno che si fosse assentata, che so io, per malattia, mai!!!!! E’ arrivata, come sempre, la bellissima candela profumata. Al prossimo Natale amiche mie, auguri a tutte le bellissime affannate 50enni!!!!!!1

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *